Seguire Sanremo 2018 con noi: Ermal Meta e Fabrizio Moro sospesi dopo l’accusa di plagio

Seguire Sanremo 2018 con noi: Ermal Meta e Fabrizio Moro sospesi dopo l'accusa di plagio

Musica, news, Sanremo 2018 – Come ogni anno non facciamo in tempo a dire Sanremo che partono già le critiche e le accuse di plagio, che questa volta colpiscono il brano non ci avete fatto niente di Ermal Meta e Fabrizio Moro attualmente sospesi dalla competizione. La gara però Inizia ufficialmente stasera, Ecco la scaletta dei Big in gara.

Manca davvero pochissimo alla messa in onda della seconda serata del Sanremo 2018, e anche quest’anno saranno attivi i commenti di New feeling in diretta col palco dell’Ariston…. Commenteremo canzone per canzone, nota per nota, Insomma tutto nel dettaglio dando ad ogni artista lo spazio che si merita.

Nel corso delle ultime ore abbiamo avuto modo di conoscere le accuse di plagio che sono state fatte a Fabrizio Moro ed Ermal Meta per il brano Non ci avete fatto niente. Proprio adesso però ecco che arrivata la notizia che tutti temevano: il duo Meta-Moro è stato sospeso dalla competizione sanremese.

Di seguito l’ordine aggiornato di esibizione sul palco previsto per la seconda serata di Sanremo 2018:

  • Annalisa – Il mondo prima di te
  • Red Canzian – Ognuno il suo racconto
  • Decibel – Lettera dal Duca
  • Diodato e Roy Paci – Adesso
  • Elio e le Storie Tese – Arrivedorci
  • Renzo Rubino – Custodire
  • Ron – Almeno pensami
  • Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico – Imparare ad amarsi
  • Le Vibrazioni – Cosi sbagliato
  • Nina Zilli – Senza appartenere

Le Vibrazioni – Così sbagliato: voto 8

È inutile negarlo Le vibrazioni ci mancavano! Il brano Così sbagliato ripercorre al millesimo quello che lo stile rock italiano, romantico, strumentale fatto ripercussioni.. che ci ha permesso di amarli nell’arco della loro carriera. Che dire come prima esibizione della seconda serata non c’è male!

Nina Zilli – Senza appartenere: Voto 5

Ho imparato a stimare Nina Zilli negli anni sia per le sue doti canore che per la sua arte… Ma questa volta con Senza appartenere fa cilecca. Solito sound, ma niente, non conquista (almeno me).

Diodato e Roy Paci – Adesso: voto 5 

Adesso… Ok, penso di aver sentito abbastanza! Nulla da ridire a Roy Paci, ma Diodato, parliamone… Il brano Adesso ha una bella musica, la tromba di Roy Paci la rende quasi perfetta. Il quasi è d’obbligo perché fatico ancora capire gli acuti di Diodato. Abbiamo capito un po’ tutti che sei bravo, ma non sei stato leggermente eccessivo?

Elio e le Storie Tese – Arrivedorci: voto 8 (Per la simpatia)

Elio e le Storie Tese sono l’unico caso in Italia di artisti che plagiano se stessi. In gruppo quest’anno sta partecipando al Festival di Sanremo 2018 con il brano Arrivedorci, un modo simpatico per dire ufficialmente a zio alla propria carriera. La musica di rivederci ripercorre lo stile degli Elio e le Storie Tese, è come se in 3 minuti o poco più riuscissimo a sentire tutte le canzoni cult che hanno segnato la loro carriera. Siamo sicuri che Elio e le Storie Tese abbiano deciso realmente di concludere la loro carriera e non ci stanno prendendo in giro concludere la loro carriera e non ci stanno prendendo in giro?

Orenella Vanoni, Bungaro e Pacifico – Imparare ad Amarsi: voto 9

Io volevo scrivere delle cose brutte su Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico… Ero preparata sostanzialmente al peggio, per scoprire poi che invece Imparare ad amarsi mi piace! Una musica dolcissima e un testo che riempie il cuore, persino Ornella Vanoni mi piace mentre la canta… Devo rassegnarmi al fatto che questa forse la prima canzone della serata, dopo le vibrazioni, che finalmente al Sapore di musica e Sanremo.

Red Canzian – Ognuno il suo racconto: voto 9

Red Canzian inizia a cantare la sua canzone e improvvisamente come se apparissero il resto dei componenti dei Pooh alle sue spalle… Sarà semplice magia e forza dell’abitudine? Nulla da ridire al brano Ognuno ha il suo racconto che è scritto e arrangiato imperfetta e chiave pop-rock italiana. Diciamo che Red Canzian se la cava bene anche senza i Pooh.

Ron – Almeno Pensami: voto 7

Complimenti a Ron per il grande omaggio fatto a Lucio Dalla… ma la canzone Almeno Pensami potrebbe essere interpretata solo da grande Lucio Dalla in persona. Almeno Pensami viene di quelle canzoni impossibile da giudicare in un certo qual modo, ma una cosa possiamo dirla: Ron ha fatto sì che la canzone diventasse più sua che di Lucio Dalla e non c’è riuscita al 100%.

Renzo Rubino – Custodire: Voto 5

Renzo Rubino possiamo ola nota stonata all’interno del Festival di Sanremo 2018. Le prime domande che saltano in mente appena lo si sente cantare le prime domande che saltano in mente appena lo si sente cantare sono: chi è? Da dove viene? È brutto da dire ma l’artista è anonimo in un festival dove la sua canzone Custodire purtroppo non risalta. Bello il testo, carina la tematica, ma non è sufficiente.

Annalisa – Il mondo prima di te: voto 9

Annalisa finalmente ce la fa. Dopo diverse edizioni di Sanremo con canzoni che qualcuno ha definito un po’ lacrimose, ecco che finalmente proponi una canzone in legno stile Annalisa Scarrone. Il mondo prima di te è molto musicale arrangiati in chiave pop, ma con quel pizzico di rock che di certo non guasta anzi rende il tutto assolutamente perfetto.

Decibel – Lettera al Duca: voto 5

Nonostante la voce di Enrico Ruggero resta resti sempre l’apice della bellezza musicale… Diciamo che in un certo qual modo David Bowie forse è un po’ contento di non aver ricevuto questa Lettera al Duca. Il sound della canzone di po’ esageratamente agli anni 70, ma il brano risulta un po’ fuori tono all’interno del Sanremo 2018

Seguiteci anche domani!

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *