Monica Shannon e l’album Ali: un sound a metà tra il rock e il fantasy con un pizzico di black

Monica Shannon
Monica Shannon

Musica, News; Monica Shannon dopo la pubblicazione del singolo Make me real torna per farci ascoltare qualcosa di nuovo… Ovvero il suo album dal titolo Ali.

Musica, News, Monica Shannon ha finalmente ultimato il suo lavoro discografico. L’album dell’artista si chiama Ali, un titolo perfetto soprattutto perché ascoltandolo sembra si ripercorrere in chiave musicale un libro fantasy.

Il paragone con la letteratura di certo non è casuale, ma il mix di suoni, il sound leggero e la miscellanza tra musica rock londinese e alcuni suoni irlandesi è percepibile fin da un primo ascolto. Inoltre, quello che non manca all’album Ali è quel pizzico di musica anni 90’ che comunque non guasta mai, soprattutto se hai vissuto quelle influenze musicali in prima persona.

Il cd di Monica Shannon, Ali, si presenta con una matrice rock, ascoltandolo si evince che tutti gli otto brani fondano le radici in questo genere musicale. La conferma di quanto detto la troviamo innanzitutto nel brano di punta, ovvero Make me real (Leggi qui l’intervista fatta all’artista). Il brano in questione può essere catalogato come pop rock, un sound comunque più moderno capace di colpire chi è abituato ai suoi radiofonici del momento.

I brani però che fanno la differenza e che mostrano Monica Shannon a 360 gradi come musicista sono senza ombra di dubbio The Answer, Boundless Spase, Forbidden Colours e L’isola delle fate (unico brano in italiano dell’album Ali). I brani si presentano con un rock un po’ black, tipico appunto dei film del genere fantasy ma non solo… Sono presenti anche degli effetti elettronici che comunque non distolgono l’attenzione dagli strumenti musicali. Per quanto riguarda la canzone L’isola delle fate però va fatto un appunto in più. La canzone si presenta estremamente romantica e un modo di Monica Shannon un modo per mettere in mostra appunto la sua arte poliedrica, fatta di suoni e immagini.

Il singolo invece che più mi ha colpito è Light… Un suono armonico, la chitarra acustica di sottofondo e quasi una ballad più rock che da cantutorato… Un mix perfetto che fa davvero anni 90’. La stessa cosa possiamo dire anche dei brani Not so far from loveButterflies in the garden e Somenthing you should know. Possiamo definire dunque l’album Ali una vera e propria tavolozza di colori capace di colpire le emozioni e liberare la fantasia di chi lo ascolta, magari leggendo un buon libro.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *