Musica, news, Intervista esclusiva, Ambra Rockess: un rock tutto rosa

Musica, News, Intervista esclusiva. Ambra Rockess: una rocker dark ma piena d’amore. Penso che questa sia la definizione giusta per un’artista che ha saputo trovare la luce… Dove nessuno la vedeva. Una particolarità che viene raccontata anche nella sua musica.

Musica, News, Intervista esclusiva. Ambra Rockess può essere definita veramente una musicista dark, tralasciando però il senso negativo del termine. La musica è frutto di una timidezza sbocciata in arte nel momento giusto. Non a caso tutto per Ambra Rockess si è trasformato in musica e luce… Trovando la sua massima espressione grazie al genere rock.

Dopo essersi nascosta per tanto tempo però Ambra ha sfoderato un’anima eclettica, dedita alla musica. Essendo capace di simpatizzare con strumenti d’animo armonico e ritmico come il pianoforte. Un po’ quasi come gli Evanescence ai tempi del loro esordio con Bring me to life. (Ndr. Per averne la conferma basta ascoltare God is love). Adesso però Ambra Rockess è tornata più forte ed emozionate che mai con un nuovo progetto musica: Darkling… In esclusiva, proprio qui, si New Feeling.

Ambra Rockess si racconta a New Feeling

Ambra Rockess un rock tutto al femminile! Quando è nata la tua passione per la musica? 

Nasce da mille capricci, da brava bimba capricciosa. Avevo circa 11 anni e avevo passato l’infanzia a sognare di voler fare l’attrice. Mia sorella maggiore ascoltava già il più bel rock degli anni ’80 e ’90 e da lì l’illuminazione. “Mamma, voglio fare la rockstar!”

I musicisti amano raccontare le loro emozioni e quasi non vedono l’ora di far ascoltare le loro composizione. Tu invece come mai tenevi nascoste le tue canzoni? 

Ho sempre scritto canzoni, anzi, le inventavo letteralmente, con tanto leggerezza e gioco. Senza aver mai studiato musica, strimpellavo la chitarra acustica e mettevo insieme accordi al pianoforte. Dopodiché scrivendo sul retro dei quaderni di scuola delle frasi che mi venivano sul momento… Preferendo già allora la lingua inglese. La svolta è stata entrare in una vera band e diventarne la voce. Ho sempre scritto musica mia ma purtroppo ho sempre temuto che non gliene fregasse niente a nessuno. Questo perché scrivo cose molto intime… Ma anche perché esiste quello spaventoso cliché della gente che si annoia con ciò che non conosce ed è pigra nell’ascoltare roba nuova. Ma fortunatamente sto parlando di vecchi pensieri e di un’insicurezza che non esiste più. Oggi ho molta più fiducia sia in me stessa sia negli altri. C’è ancora chi ci crede e non voglio deludere nessuno. Me stessa in primis! 

Ambra Rockess: Nasce da un forte sentimento d’amore e d’inferno…

Da cosa sono stati ispirati i tuoi due album e cosa racconti di te stessa? 

Holy Hell nasce da un forte sentimento d’amore e d’inferno inteso come sofferenza quasi desiderata, adorata. Già nel titolo si legge il contrasto. Ho raccontato quanto potesse essere irritante e piacevole lasciarsi andare in un forte abbraccio diabolico. Ho cantato le sensazioni che realmente provavo e i pensieri che mi passavano per la testa con ben pochi filtri ed un pizzico di ironia.

In Darkling, la storia cambia di poco ma definisco il mio nuovo album decisamente più maturo in ogni suo aspetto. Non a caso ho dedicato molto più tempo del previsto nel realizzarlo e credo ne sia valsa la pena. Sono stata più attenta e riflessiva in ogni dettaglio. Ho meditato più a lungo già nella sua scrittura che, nella maggior parte delle canzoni, è avvenuta con Umberto Ferro, il mio produttore. Lui ha donato a Darkling tutta l’oscura scintillante magia che presto ascolterete. I suoi arrangiamenti sono fantasmagorici. Nel mio inevitabile ermetismo si erge il mio nuovo monumento, in tutta la sua lucentezza. Non voglio dire altro… (Ndr. Sorride)

Hai fatto cenno anche ad alcune importanti collaborazioni, puoi già raccontarci qualcosa? 

La collaborazione più importante di sempre è sicuramente quella che ho iniziato ormai tre anni fa con Umberto. Ha sempre messo in musica ciò che io avevo in testa e non riuscivo a spiegare. Lui ha completato la metà mancante della mia arte. Inoltre ho il piacere di condividere Darkling con Lorenzo Coriglione che ne è diventato sia il pianista che il sound engineer. Fra gli ospiti, essenziali in questo progetto, ci sono Biagio Martello al basso e Daniele Testa agli archi, realizzando così un mio grande sogno. Dulcis in fundo, ho scritto un brano per uno dei miei cantautori preferiti, William Wilson. Il nostro duetto ha dato vita a uno dei brani più potenti e struggenti dell’album. 

Ambra Rockess: Ho una forte attrazione per…
Musica, news, Intervista esclusiva, Ambra Rockess: un rock tutto rosa
Musica, news, Intervista esclusiva, Ambra Rockess: un rock tutto rosa

Quanto influisce l’amore nella tua vita e nella tua musica? 

Questa è proprio una bella domanda. L’Amore è raccontato in ogni sua forma nella mia musica. Talmente fondamentale che devo necessariamente scriverlo con la A maiuscola. L’amore ha ispirato Holy Hell e sta ispirando ora Darkling. Ho una forte attrazione per le emozioni che fanno battere il cuore. Mi annoio troppo facilmente e tendo ad abbandonare tutto ciò che non mi provoca le palpitazioni. Una volta che trovo chi o cosa mi fa perdere la testa sembra inevitabile non cantarlo e non venerarlo. Amo l’Amore sia nel piacere sia nella distruzione. Non c’è altro che ci prenda più dell’Amore sia nella sua bella sia nella brutta faccia. Darkling simboleggia proprio questo. L’oscurità che brilla di bellezza. La bellezza dell’Amore. 

Ambra Rockess: Umberto Ferro ha piacevolmente rotto il mio equilibrio

 

Quali sono i tuoi attuali impegni con Musicraiser? Hai già progettato anche dei progetti?

Sono molto orgogliosa della mia campagna di crowfunding su Musicraiser. Mi è stata proposta nel momento giusto della produzione di Darkling ed è stato un onore essere stata scelta. Trovo sia un’iniziativa meravigliosa per ogni artista che abbia voglia di rendere parte attiva del proprio progetto i suoi stessi sostenitori. Musicraiser è un “CREDO NELLA TUA MUSICA” espresso in fatti ed in piccole cifre oltre che in parole. (Ad esempio nel mio caso si parte da 10).
Anziché comprare il disco quando è già pronto, dai prima la stessa cifra all’artista e, oltre ad aver finanziato il suo album, ricevi anche un premio esclusivo! La parte divertente secondo me è anche quella di donare delle ricompense che nessun altro, al di fuori della partecipazione su Musicraiser, può avere. Ho messo in palio due provini piano e voce di Darkling (dalle 25 alle 30 euro),; 1 unplugged esclusivo a 15 euro; 1 video con una canzone su richiesta a 40 euro; 1 brano inedito che scrivo solo per chi acquista la ricompensa da 100 euro; ecc… 

Mi sto divertendo molto ed ho l’opportunità di promuovere il mio nuovo album passo dopo passo.  La realizzazione di un album è un processo impegnativo, lungo ma immensamente gratificante. Sono fiera di ciò che sto costruendo assieme ai miei ragazzi nonostante “Ambra Rockess” sia un progetto solista ma direi che di solista abbia ormai ben poco. Umberto ha piacevolmente sconvolto il mio equilibrio e gli sarò eternamente grata. 

One Comment

  1. Ambra Rockess 18 November 2016 Reply

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *